mercoledì 20 settembre 2017

Referendum Catalogna, perquisita la sede del governo locale

Continua lo scontro tra Barcellona e Madrid sulla consultazione per lʼindipendenza sospesa dalla Corte costituzionale. Arrestato il braccio destro del vicepresidente catalano.


La Guardia Civil spagnola ha perquisito gli uffici del governo catalano a Barcellona nell'ambito dello scontro con Madrid sul referendum per l'indipendenza, sospeso dalla Corte costituzionale. Il blitz è stato compiuto nei dipartimenti dell'Economia, degli Esteri, del Lavoro e degli Affari sociali. La Guardia Civil ha arrestato 12 persone tra cui Josep Maria Jovè e Lluis Salvadò, collaboratori del vicepresidente catalano Oriol Junqueras.
 Dopo il blitz, il presidente catalano, Carles Puigdemont, ha convocato una riunione urgente di tutti i suoi ministri. Intanto decine di persone si sono raccolte davanti alla sede del governo catalano nel centro di Barcellona per denunciare il blitz: la folla ha gridato "Indipendenza!", "Vogliamo essere liberi", "Vergogna!". 
  I partiti pro-indipendenza hanno raccolto il 47,6% dei consensi nelle elezioni regionali del settembre 2015, ottenendo una maggioranza di 72 seggi sui 135 del Parlamento catalano. I sondaggi mostrano che i 7,5 milioni di catalani sono divisi sull'indipendenza: un sondaggio commissionato a luglio dal governo regionale mostra che il 49,4% è contrario e il 41,1% favorevole. Ma il 70% dei catalani vuole un referendum per fare chiarezza sull'annosa questione.

Il Messico trema ancora: terremoto di magnitudo 7.1, almeno 217 morti

Il nuovo sisma segue di 12 giorni quello che aveva già devastato una parte del Paese. Crolli a Puebla e a Città del Messico, dove 26 bambini e quattro adulti sono morti nel crollo di una scuola.


Nuovo violento sisma in Messico: un terremoto di magnitudo 7.1 ha colpito il Paese, compresa Città del Messico e Puebla. Il bilancio è di almeno 217 vittime. Nella capitale sono crollate decine di edifici, tra cui una scuola dove sono morti quattro adulti e 26 bambini. Molte le persone ancora intrappolate sotto le macerie. La maggior parte delle vittime è stata registrata nello Stato di Morelos.
 La scossa, avvenuta martedì quando in Italia erano da poco passate le 20, ha devastato il Paese nel 32esimo anniversario del sisma del 1985 e a dodici giorni dal terremoto di 8.2 che ha provocato oltre cento vittime. L'epicentro è stato localizzato a pochi chilometri da Chiautla de Tapia, a Puebla, a 50 chilometri di profondità.
  Il sindaco di Città del Messico: "Priorità alle persone intrappolate" - Il sindaco di Città del Messico ha disposto lo stato d'emergenza nella capitale, dove si lavora incessantemente per soccorrere le persone rimaste intrappolate sotto le macerie.

Terremoto, fortissima scossa in Messico. Panico e crolli nella Capitale: "Almeno 224 morti"

Ancora paura in Messico. Un fortissimo terremoto ha scosso Città del Messico. La magnitudo registrata è 7.1. Sono almeno 224 i morti, come affermano i media locali ma il bilancio potrebbe arrivare a un migliaio di vittime È quanto si legge in una stima dell'US Geological Survey, l'istituto geologico Usa, che ha classificato come «arancione», cioè significativo, l'impatto del sisma per quanto riguarda le vittime. Mentre parla di «allarme rosso» per l'impatto economico. 


«La priorità in questo momento è continuare a cercare chi è rimasto sotto le macerie e curare i feriti». È quanto ha detto il presidente messicano, Enrique Pena Nieto, in un messaggio trasmesso dalla televisione in cui si esorta la popolazione alla calma. «Entro il possibile, la popolazione rimanga nelle proprie case, se sono al sicuro, evitando di intasare le strade dove devono passare i mezzi d'emergenza», ha aggiunto il presidente messicano. «Purtroppo molte persone hanno perso la vita, compresi bambine e bambini, in scuole ed edifici», ha detto ancora Pena Nieto riferendosi al crollo della scuola di Città del Messico in cui sono morti almeno 21 bambini insieme a quattro insegnanti. Lo stesso presidente questa notte si è recato alla scuola Enrique Rebasamen, nel quartiere di Villa Coapa, dove le squadre di soccorso sono riuscite a mettere in salvo 11 bambini, mentre ancora 28 mancherebbero all'appello. 
La scossa ha avuto luogo una settimana dopo il violento terremoto di 8,2 gradi Richter nel quale hanno perso la vita 100 persone e nel 32/o anniversario del sisma del 1985.
L'epicentro è stato localizzato a pochi chilometri da Chiautla de Tapia, a Puebla. 
ALMENO QUATTRO MORTI ANCHE A PUEBLA Almeno quattro persone sono morte a Puebla dopo la scossa di 7.1 che ha colpito oggi in Messico. Lo scrivono siti locali. Due donne sui 30 anni sono morte nel crollo di una parte della facciata di un edificio nel centro storico della città. A quanto si riferisce stavano camminando vicino alla cattedrale. Anche un uomo e una donna sono morti per il crollo di parti di edifici, uno dei quali ospita la Scuola normale dello Stato .

mercoledì 28 giugno 2017

Belen Rodriguez e Stefano, di nuovo vicini a Ibiza. E Iannone li spia dal balcone...

Dopo accuse e litigi anche mezzo stampa, torna la pace fra Belen Rodriguez. I due sono in vacanza (separata) a Ibiza, ma come testimoniano le foto pubblicate da “Chi”, si rivedono tranquillamente per dividersi il tempo col figlio, il piccolo Santiago.


  Risate e piccole tenerezze con non sono sfuggite ad Andrea Iannone, appostato su un balcone per "controllare" la sua fidanzata con l’ex…

lunedì 13 febbraio 2017

Bellezza come natura comanda: le virtù dell’aceto di mele

L'aceto di mele ha mille virtù: è un alleato prezioso per chi vuole pulire la casa senza far eccessivo ricorso a detersivi e prodotti chimici, aiuta la nostra salute contrastando il colesterolo e l'eccessiva presenza di zuccheri nel sangue, ma è anche amico della bellezza e di chi vuole curare la propria pelle e i capelli in modo semplice e naturale: è infatti un valido aiuto per curare l'acne e le piccole infezioni della pelle e ci regala capelli brillanti e luminosi.


 Il proverbio dice che una mela al giorno leva il medico di torno. Anche se la scienza sostiene che le cose non stanno proprio così, tutti sono d’accordo nel ricordare che questo frutto delizioso contiene molte sostanze salutari, in particolare calcio, fosforo, magnesio, potassio, vitamine (in particolare la A e la C), e che ha un elevato potere disintossicante. Le stesse sostanze che si trovano nel frutto sono presenti anche nell’aceto di mele, soprattutto in quello naturale e bio. Diluito in acqua si può utilizzare come tonico, oppure per rendere sana e splendente la nostra chioma, specie se abbiamo i capelli grassi. Prima di utilizzarlo è comunque opportuno fare un piccolo test di tollerabilità, applicando un po’ di soluzione sotto il mento o nella parte interna del polso. Non va utilizzato prima di esporre la pelle al sole.
PER LA PELLE – Diluite l'aceto di mele con acqua tiepida, aggiungere tè verde e aloe vera. La soluzione può essere applicata direttamente sulla pelle, con un batuffolo di cotone, al mattino e alla sera. Se sono presenti brufoli e impurità si lascia in posa per un quarto d’ora sulla zona da trattare, poi si sciacqua: grazie alle sue proprietà antibatteriche e antivirali, l’aceto di mele è un ottimo antiacne naturale. Regolarizza la produzione di sebo, migliora l’ossigenazione dell’epidermide e la mantiene pulita.
PER I CAPELLI – Diluire 2 cucchiai di aceto di mele biologico in una tazza di acqua da 250 ml. Applicate la soluzione sui capelli dopo aver fatto lo shampoo, distribuendolo su tutta la chioma e sul cuoio cappelluto e massaggiandolo con delicatezza. Tenetelo in posa per un paio di minuti e poi sciacquate abbondantemente. L’aceto di mele può avere un odore piuttosto intenso che resiste al risciacquo, ma che scompare in fretta quando i capelli sono asciutti. In compenso stimola la crescita dei capelli, combatte la forfora, bilancia il ph dei capelli e del cuoio capelluto e ha un intenso effetto lucidante sulla chioma.

martedì 24 gennaio 2017

Andrea Pirlo sarà ancora papà: Valentina è incinta

Andrea Pirlo diventerà ancora papà. La compagna Valentina Baldini, secondo quanto rivela il settimanale Chi, aspetta due gemelli. Il calciatore ex Milan e Juventus ha già due figli Angela e Nicolò, nati dal matrimonio con Deborah Roversi. Per Valentina Baldini, invece si tratta della prima gravidanza.

Legata dal 2014 all'ex azzurro, Valentina Baldini è al terzo mese di gravidanza e aspetta due gemelli che dovrebbero nascere all’inizio dell’estate.

Alessandro Di Battista: "Frequento Sahra e chiedo privacy"

Alessandro Di Battista non è più single. Il parlamentare del Movimento 5 Stelle sui social annuncia di frequentare una ragazza e posta un selfie di coppia invocando rispetto per la privacy: “Da giorni diversi fotografi ci seguono ovunque (e seguono questa ragazza fino al pianerottolo di casa o nel suo posto di lavoro per scoprire il suo nome). Tanto vale dirgli che si chiama Sahra e che, in effetti, ci stiamo frequentando".
 E della sua nuova frequentazione aggiunge: “Una cosa normalissima. Ora mi auguro che rispetteranno quantomeno la sua privacy. Buona serata a tutti”.
Qualche mese fa Di Battista aveva dichiarato di essere single e di volere una ragazza con tanta voglia di viaggiare “una con i piedi che scottano come me”.

Laura Pausini firma le frasi dei "Baci" per San Valentino

Con le sue canzoni ha fatto innamorare milioni di persone e da sempre all'amore ha dedicato la maggior parte delle sue canzoni. Adesso per la prima volta in assoluto Laura Pausini insieme a Baci Perugina autografa 33 frasi tratte dalle sue hits più belle e 10 dediche pensate per i fan e tutti gli innamorati, inserite nei "cartigli" dell'edizione speciale dei cioccolatini dedicata a San Valentino. Lo scorso anno era stato Fedez il testimone dell'iniziativa.
 Oltre 70 milioni di dischi venduti nel mondo, 23 anni di carriera alle spalle, una fama internazionale e molti premi prestigiosi vinti. I suoi profili social contano numeri da capogiro. Ogni suo singolo scala le classifiche musicali in qualsiasi angolo della terra e adesso la sua "La meraviglia di essere simili" diventa la colonna sonora d'amore di Baci Perugina e il sigillo della nuova edizione di "Autografi d'Amore di Laura Pausini".
Ogni gesto d'amore che si rispetti è sempre accompagnato da una dedica e Laura ha regalato a Baci Perugina 10 frasi, pensate per i fan e gli innamorati, che potranno far proprie o completare con la propria vena romantica; queste sono contenute negli speciali cartigli firmati "Io e Laura Pausini". "La faresti una pazzia? Sai come si fa una pazzia?..." o "Le cose più belle della vita non sempre si vedono con gli occhi…" sono solo alcuni degli incipit d'amore da dedicare e personalizzare anche sul sito baciperugina.it e condividere con l'hashtag #ioeLaura.

Mel Gibson, papà per la nona volta: un maschietto dalla baby fidanzata

Mel Gibson, 61 anni, è diventato papà per la nona volta. La giovane compagna Rosalind Ross, 26 anni, ha dato alla luce un maschietto, Lars Gerard Gibson, L'attore è fidanzato con Rosalind da due anni.
 Un uomo con un'arma davvero letale, anzi più che altro molto "natale", vista la bella quota a cui è arrivato in fatto di figli.
Gibson ne ha avuti ben 7, una bambina e sei maschi dalla sua relazione con l'ex moglie Robyn Denise Moore, con cui è stato sposato 26 anni e il cui matrimonio è naufragato nel 2006: Hannah (nata nel 1980), Edward (1982), Christian (1982), William (1985), Louis (1988), Milo (1990), e Thomas (1999). Il loro divorzio è stato uno dei più costosi nella storia di Hollywood, oltre 400 milioni di dollari.

Nel 2009 l'attore e regista si è fidanzato con la musicista Oksana Grigorieva dalla quale si è poi subito separato l'anno successivo, ma è bastato per diventare padre un'altra volta, di una bimba, Lucia, nata nel 2009. La relazione con la Grigorieva ha lasciato a Gibson molti strascichi. La musicista infatti lo ha denunciato per maltrattamenti e insulti a sfondo razzista. L'attore ha patteggiato con i giudici di Los Angeles 36 mesi di libertà vigilata, un programma di riabilitazione psichica e 600 dollari di multa. Dichiaratosi innocente nel 2011 Gibson ha dovuto tuttavia risarcire l'ex fidanzata e rinunciare all'affidamento della bambina.
Dal 2015 il fidanzamento con la sceneggiatrice televisiva Rosalind Ross. Adesso la squadra dà il benvenuto a Lars Gerard... Mel però potrebbe non fermarsi qui!

Super Bowl, Lady Gaga si esibirà sul tetto dello stadio

Si avvicina la finale del Super Bowl e diventano interessanti nuovi particolari dello show che Lady Gaga terrà nel famoso concerto di metà gara, considerato l'evento dell'anno in America. Dall'indiscrezione che arriva dal New York Post, la pop star non si esibirà nell'impianto sportivo, il NRG Stadium di Houston, ma sul tetto, dopo essersi calata da un aereo.

Per questa ragione Miss Germanotta si starebbe allenando in modo intenso con tutti i ballerini nel giardino di casa sua, come ha mostrato su Instagram nei giorni scorsi. Intanto, è stato annunciato che tutta la preparazione all'evento sarà raccontata da un documentario, che conterrà in pratica tutto quello che c'è stato tra la prima conferenza stampa fino al concerto. "Sogno di fare questo concerto da quando avevo quattro anni, so esattamente cosa devo fare", aveva detto Gaga.

Gigi D'Alessio cambia vita: verso la conduzione di un programma tv?

Quando Gigi & Ross passarono a condurre «Sbandati», sempre su Raidue, qualcuno gli chiese se abbandonavano così la conduzione di «Made in Sud», la carovana dei neocomici napoletani. La coppia di ex Iene minimizzò, lasciò aperta la strada ad ogni ipotesi, ma intanto il nuovo programma ha preso piede e il bisogno di un rilancio per il pur fortunato show realizzato nel centro Rai di Napoli ha spinto produttori e viale Mazzini a vagliare altre ipotesi, a cercare di rinnovare non solo i presentatori. Così è stato contattato Amadeus, che significherebbe uno stile più «normale» e meno in sintonia con la factory della risata che dal Tunnel del centro storico napoletano ha portato al varietà più verace in onda in Italia.
Ma è stato contattato anche Gigi D’Alessio, e qui la veracità non sarebbe messa in discussione e di sicuro la novità sarebbe maggiore: il cantante ha ormai da tempo provato le sue qualità televisive, ma finora sempre nel recinto musicale, che questa volta travalicherebbe abbondantemente. Impegnato in Canada, rimanda al dopo-Sanremo, dov’è in gara con «La prima stella», un brano dedicato alla madre, ogni nuova trattativa: «Potrebbe essere un’avventura interessante, non mi spaventano le novità, ma... È presto e non c’è nulla di chiuso, in giro ci sono troppe chiacchiere. Prima hanno detto che era fatta con Amadeus, poi con me, poi di nuovo con Amadeus, ma invece...». Per caso, i due si sono appena scontrati nella serata di Capodanno, con la vittoria, come l’anno scorso, di Amadeus, in una serata però da sempre appannaggio di Raiuno su Canale 5.

Lory Del Santo, incredibile gaffe sul padre di suo figlio. Scoppia la risata tra il pubblico

Lory Del Santo spiazza tutti con la sua risposta a Barbara D'urso. La risata tra il pubblico scoppia in pochi istanti. C'è già chi lo definisce il momento top del 2017. Ecco cosa è accaduto a Domenica Live.

Maddalena Corvaglia, su Instagram il tenero messaggio per Elisabetta Canalis

Maddalena Corvaglia storica velina di Striscia la notizia affida a Instagram le tenere parole di conforto per la sua migliore amica Elisabetta Canalis che nei giorni scorsi ha perso il padre.  Un'immagine sfocata delle due ex veline che corrono mano nella mano e un messaggio d'amore vero "Schietta, sensibile, sincera. Un'amica, una figlia, una moglie, una madre su cui puoi sempre contare. Sono con te". 
Maddalena ed Elisabetta al di là del bancone di Striscia sono migliori amiche, si sono sempre sostenute in ogni tappa della loro vita dalla nascita dei rispettivi figli fino alla triste notizia della perdita del padre Cesare.  Un lutto improvviso, papà Cesare si è spento all'età di 78 anni mentre era negli Stati Uniti, a Los Angeles, per trascorrere qualche giorno assieme alla figlia e alla nipotina Skyler Eva.

lunedì 23 gennaio 2017

Capelli: le tinte e i colori per il 2017


L'anno nuovo non porta con sé solo il rientro a routine e doveri ma anche la voglia di rinnovarsi. Dieta, detox, palestra...i buoni propositi non mancano di certo. E tra questi, per molte donne, rientra anche un nuovo taglio di capelli ma, soprattutto, la voglia di cambiare colore. La scelta del colore è uno step fondamentale per la donna: passare da mora a bionda (e viceversa) o concedersi riflessi inediti sono tutte azioni benefiche per l'autostima. E poi da un nuovo colore di capelli possono partire anche vere e proprie rivoluzioni personali...Provare per credere! Ma vediamo insieme quali sono le tendenze per l'anno appena iniziato. Innanzitutto, i colori proposti saranno molto simili a quelli visti nell'autunno appena trascorso e, dunque, si parlerà ancora di broux e di biondo cenere. Ma con qualche chicca in più, sconfinante nel rosa e nel malva.
Evviva il rosa! - Le amanti del pink-style ne saranno entusiaste: nel 2017 ci si potranno tingere i capelli di rosa senza sensi di colpa né paura di sembrare la protagonista di un manga. Dal più discreto biondo fragola, già tendenza indiscussa nel 2016, si passerà addirittura al fucsia in un'escalation di colore-evidenziatore dedicato non solo alle più giovani e alternative. Molto fanno, in questi casi, anche il taglio e l'outfit scelti.
Capelli biondi - Per le bionde, saranno sempre di tendenza i toni freddi rispetto ai caldi e ai ramati. Così per chi desidera svoltare nei panni di una bionda, saranno perfette le tonalità biondo cenere e biondo ghiaccio. Quest'ultima decisamente più azzardata e adatta a un certo tipo di look. Anche le versioni "ossigenate" andranno alla grande nel nuovo anno, a patto di avere le caratteristiche cromatiche adatte per questa tipologia di colore. Dunque, sì alla tintarella di luna e al largo dall'abbronzatura selvaggia.
Capelli castani - Il castano non passa mai di moda anche perché si tratta di una nuance perfetta per fare da base a esperimenti cromatici più eclettici. Non mancherà nel 2017 il broux, ovvero il castano arricchito con sapienti sfumature ramate. Ma c'è una novità: questo sarà l'anno del chocolat mauve. Stiamo parlando di un castano con riflessi malva, decisamente chic se eseguito a regola d'arte. Dunque, per questo tipo di colore non uniforme, si sconsiglia vivamente il fai da te.
Capelli scuri e rossi - Le more potranno divertirsi ad accendersi di riflessi rossi, davvero molto sexy e grintosi. È il rame a vincere, anche per chi rossa lo è già. Vivace e in grado di ravvivare anche le chiome più scure e uniformi, la tonalità cherry bombre si sposa alla perfezione con ogni tipo di outfit ma, soprattutto, dona energia positiva al viso e allo sguardo. Il modo migliore per iniziare il nuovo anno con il mood giusto.

Porto gli occhiali: qual è il make up giusto per me?

Indossare gli occhiali da vista non significa rinunciare a valorizzare lo sguardo con un make up piacevole e modaiolo. L’importante è scegliere il trucco giusto, coerente con la propria montatura e con il tipo di lenti che correggono il nostro difetto visivo. Le parole d’ordine per un risultato ottimale sono comunque: cautela e leggerezza, scegliendo bene i prodotti e i colori giusti.
PARTIMAO DAGLI OCCHIALI - In primo luogo, è bene scegliere le lenti anti-riflesso: sono più trasparenti di quelle normali e annullano, come dice il loro nome, i riflessi delle luci d’ambiente. L’occhio rimane dunque più visibile, in una sorta di “effetto nudo”. Per quanto riguarda la montatura, occorre sapere che più questa è piccola più gli occhi devono essere messi in risalto, con ombretti chiari e luminosi. Se le lenti sono di dimensioni un po’ più grandi ci si può sbizzarrire anche con nuances più scure e intense.
GLI OMBRETTI - Attenzione ai colori: se indossate una montatura colorata, la tinta dell’ombretto deve essere coerente. Vanno sempre bene i colori neutri, ad esempio i toni dei beige, l’avorio, il miele, il rosa chiaro. Chi porta montature di metallo o di colore nero può sbizzarrirsi con i colori che preferisce. In ogni caso vale la regola che il make up non deve mai “uscire” dalla montatura.
LE SOPRACCICLIA – Devono essere perfettamente curate, ben disegnate e definite, magari valorizzate dall’applicazione di un ombretto di colore chiaro che crei luminosità intorno all’arcata sopraccigliare.
AMICO MASCARA – Il più adatto per chi porta gli occhiali è quello volumizzante perché “apre” lo sguardo e gli dà profondità, senza incorrere nell’inconveniente di portare le ciglia a contatto con la lente.
EYELINER - Ogni montatura toglie spazio allo sguardo: affinché gli occhi non sembrino ancora più piccoli, meglio disegnare con un tratto sottile e il più definito possibile. L’eyeliner e il mascara sono grandi alleati soprattutto di chi indossa lenti da miope, che tendono a rimpicciolire ancora di più l’occhio.
LE LABBRA - Se siete costrette a lasciare gli occhi più al naturale di quanto vorreste, puntate sulle labbra: osate con un rossetto dai toni decisi, che sposterà l’attenzione sulla bocca.

Pago e Serena Enardu pronti alle nozze: "Opera di convincimento incredibile"


“Sì, e sto facendo un'opera di convincimento incredibile! La verità è che lei mi dice che siamo già sposati e ha ragione: ci promettiamo amore tutti i giorni e stiamo benissimo”. 
Pago, in arte Pacifico Settembre, è pronta per il matrimonio con Serena Enardu (ex tronista del programma di Maria De Filippi), dopo la fine della sua relazione con Miriana Trevisan, da cui è nato il piccolo Nicola: “Però effettivamente – ha fatto sapere il “Nuovo” - rimane il fatto che io ci terrei tanto a sposarla, perché lei è proprio la donna della mia vita”.
 I due abitano insieme (“Abbiamo un equilibrio davvero particolare: siamo molto simili, litighiamo di rado ma, quando succede, lo facciamo per bene”) e per ora non vogliono figli: “No! Abbiamo due bimbi bellissimi: il mio adora Serena, e il suo stravede per me. Certo, averne uno nostro sarebbe stupendo: se non fossimo già genitori, forse lo avremmo fatto. Però adesso vogliamo avere anche la possibilità di andare in vacanza noi due soli”.
Dopo il successo di Parlo di te e la partecipazione a Music Farm nel 2006, è stato lontano dalle scene: “È stato un periodo di riflessioni e di cambiamenti. Arrivare è facile, ma rimanerci è difficile anche se fai un talent, perché poi le case discografiche ti mettono un timbro e per fare cambiare loro idea ci vuole un gran Iavoro”.

"Morirai domani": per Luca Abete macabro scherzo o avvertimento?

L'inviato avellinese di "Striscia la notizia", Luca Abete, ha una data di morte fissata. Ed è quella di domani, 24 gennaio. Almeno così riporta la sua pagina Wikipedia, modificata da qualcuno. Potrebbe trattarsi di una goliardata, di un macabro scherzo. Ma anche di un avvertimento, visto che Abete ultimamente era stato minacciato di morte. "E' il prezzo che paga chi con coraggio racconta realtà scomode e taciute da tutti" ha commentato lui.
 "Queste inchieste si fanno sempre più difficili, anche per la diffusa campagna che tende a cancellare o a minimizzare quanto di illecito e illegale c'è a Napoli e ad accusare chi denuncia questi fenomeni di volere il male della città" il commento dell'inviato "Non c'è dubbio che Napoli sia una città ricca d’arte, storia e bellezza, ma purtroppo non è solo questo... e chi ne ignora il lato oscuro non fa certo il bene della città".

Luca Abete è stato minacciato di morte con una pagina Facebook, intitolata "Luca Abete che prima o poi morirà ammazzato a Napoli", e due modifiche su Wikipedia: una alla voce dedicata all’inviato, in cui era stata fissata la data della sua morte al 24 gennaio; l’altra alla voce "Morti nel 2017", dove era stato aggiunto il nome di Abete. Ora la pagina Facebook è stata rimossa dal gestore, così come sono state ripristinate le corrette versioni su Wikipedia, ma ciò non diminuisce la gravità dell’accaduto.

Si tratta dell’ennesima intimidazione, che fa seguito alle tante minacce già pervenute a Luca Abete per le sue inchieste scomode in territori pericolosi. E proprio attraverso Facebook lui ha risposto. "Questo è il PREZZO che son costretti a pagare coloro che con coraggio raccontano realtà scomode e taciute da tutti - ha scritto in un post -. Dopo la pagina Facebook sulla mia morte di qualche giorno fa, ecco una nuova intimidazione: hanno modificato così la scheda su WIKIPEDIA che parla di me! Secondo loro domani dovrebbe essere il mio ULTIMO GIORNO ... non hanno capito, invece, che siamo in tanti e... NonCiFermaNessuno!!!".

Torna "Blindspot" e Jane prende finalmente il controllo

Jane Doe non chiede più aiuto agli altri e conta solo su se stessa. Dal 25 gennaio, ogni mercoledì, con 12 appuntamenti in prima serata su Premium Crime, parte la seconda parte della seconda stagione di "Blindspot", la serie crime che ha per protagonista Jaimie Alexander. L'attrice veste i panni di una ragazza ritrovata all'inizio della storia completamente nuda e totalmente priva di memoria in una sacca abbandonata a Times Square, a New York.

"La seconda stagione vede Jane prendere il controllo, il che è meraviglioso - spiega la Alexander - All'inizio lei cercava sempre aiuto negli altri. Era tutto un: 'Aiutatemi! Non so chi sono'. E ora invece: 'Sai cosa? Mi aiuterò da me. Riusciro' a gestirmela".
Tra spie, cospirazioni, talpe, tradimenti e piani segreti, Jane, che via via ha scoperto di avere straordinarie abilità (come la conoscenza di molte lingue) e grandi capacità nel combattimento, insieme all'agente dell'Fbi Kurt Weller (Sullivan Stapleton) continua a ricostruire il proprio passato. Il modo per farlo è cercare di svelare l'enigma rappresentato dal corpo della donna, ricoperto da oltre 200 tatuaggi, ognuno dei quali nasconde un segreto.
Crime offre la seconda parte della seconda stagione proponendo ogni settimana un episodio doppiato e, a seguire, una puntata inedita in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Karina Cascella festeggia il compleanno con le "sue" donne



C'è un bigliettino d'auguri con un fiore fatto dalla piccola Ginevra, poi c'è una torta, la sua preferita, preparata dalla "Darling" e c'è anche una dedica speciale da parte di Guendalina Canessa. Ecco come ha vissuto la prima parte del suo compleanno Karina Cascella, splendida 37enne da poche ore. Con l'hashtag #etraunpolamammafesteggianchefuori una cosa è chiara: i festeggiamenti non finiscono qui!

Sguardo penetrante e un bellissimo abito  Si presenta così Karina ai tanti follower nel giorno del suo compleanno mentre condivide un suo pensiero che non vorrebbe avere l'aria di un bilancio: "... Sarò cresciuta all'anagrafe ma dentro di me sono la solita... Sono e resterò sempre io... Quella che: "Sono una donna forte, matura e indipendente" e poi anche: "Prendimi in braccio e fammi girare come una principessa delle fate".
Sua grande amica, l'ex inquilina della Casa di Cinecittà, SuperGuenda, le riserva una dedica profonda e sincera: "... Amo il tuo coraggio, la tua follia e la tua bontà d'animo, e chi meglio di me può dirlo? Le parole sembrano così riduttive per descrivere quello che noi siamo da così tanti anni!! E non permetterò MAI a nessuno di dividerci!! Guai a chi ti tocca!! Ci sono così tante foto di noi insieme, dei nostri momenti, dei nostri periodi.... ma oggi in questo giorno speciale ho scelto questa...perché mi piace come mi guardi. Lo so che la tua vita non è stata facile, ma ti sei sempre presa le tue rivincite, ti sei sempre rialzata con il sorriso e a testa alta con delle parole gentili, anche se vi consiglio di non farla mai inc...!!! Insomma per tutte queste ragioni e credetemi ce ne sarebbero tante altre ma mi fermo qui!!! io ho scelto te, come compagna, amica, sorella, mamma e soprattutto come compagna di vecchiaia... Spero di essere la prima anche questa volta a farti gli auguri. Happy Happy Birthday Piccola Cucciola del Mio cuore"

Geri Halliwell, mamma bis di un maschietto: i primi scatti social

Si chiama Montague George Hector Horner, pesa 3,5 kg e sta bene. E' il secondogenito della bella Geri Halliwell, 44 anni, e di suo marito Christian Horner, sposato nel maggio del 2015. Anche l'ex Spice sta benissimo e ha subito postato contenta su Twitter e Instagram l'annuncio della nascita del suo secondo bebè, 11 anni dopo Bluebell Madonna, avuta dello sceneggiatore Sacha Gervasi.
Il papà di Montague George Hector è invece il Direttore Sportivo del team di Formula 1 Red Bull Racing Christian Horner, sposato solo un anno e mezzo fa e già padre di un'altra bambina, Olivia, avuta da una precedente relazione. Primo maschietto per entrambi quindi e un piccolo fratellino per le due femminucce della famiglia Halliwell-Horner.

Non solo Rigopiano. Il dramma di Montorio al Vomano: "Isolati da 8 giorni, ci sono morti"

Come accade ogni volta che si verifica una tragedia, ci sono delle parti della storia che restano al buio. Una di queste è il Comune di Montorio al Vomano, frazione di 8.218 abitanti a 52 minuti da Rigopiano dove una valanga ha preso in pieno un hotel. I fari sono spenti, e nelle zone ricadenti nel comprensorio montano sono arrivati solo alcuni giornalisti andati via poco dopo. Gli abitanti sono soli e lanciano un grido di allarme.
  «La copertura mediatica è praticamente nulla – ci spiega Cristiano Catalini del Centro Operativo Comunale nella speranza che il messaggio possa arrivare -, in quanto l'assenza di linea telefonica, elettrica e connessione ci ha tagliati fuori dal mondo. Dalla mattina del 17 gennaio siamo senza corrente e dal 19 senza linea telefonica. Siamo isolati da tutto a livello di comunicazioni e innumerevoli famiglie risiedenti verso le zone meno accessibili da una settimana si trovano sommerse da oltre quattro metri di neve, nell'impossibilità di contattare soccorsi e aiuti. I corpi speciali – spiega ancora il cittadino che tenta di mantenere i contatti con il mondo esterno – stanno operando quasi random, non avendo modo di sapere quali siano le famiglie in condizioni critiche. Ad oggi risulta ancora isolata una frazione, i soccorsi stanno cercando di aprire vie di accesso per verificare lo stato di salute delle persone. Da quanto ci è stato riferito da quanti possono seguire i media, l'attenzione su questa situazione così surreale è praticamente nulla, concentratasi tutta sul drammatico evento di Rigopiano. Purtroppo anche qui abbiamo già accertato che ci sono state delle vittime. Un papà con due figli, residenti nella frazione di Altavilla, sono provati ad uscire di casa per cercare autonomamente in una stazione di servizio alla ricerca di un gruppo elettrogeno. Uno dei due figli è tornato indietro per lanciare l'allarme, gli altri due sono rimasti vittime della bufera. Ci sono malati e feriti in condizioni gravi e persone di cui non abbiamo notizie da giorni perché hanno scelto di restare nella loro casa, magari vicino all'azienda agricola. Il nostro Comune ha bisogno della massima visibilità possibile per poter riuscire a smuovere ulteriormente la macchina dei soccorsi. Gli sforzi straordinari profusi, da soli, non bastano».
  Il cittadino spiega che la situazione è allarmante sotto vari punti di vista, primo tra tutti la gestione dei soccorsi. «Manca una copertura telefonica da otto giorni. È quasi impossibile coordinare i soccorsi. Provate ad immaginare cosa significhi operare in emergenza senza aver modo di sapere cosa accade. Accadono scene surreali: tre squadre che vanno nello stesso punto dove non c'è bisogno di aiuto e persone che provano a mettersi in salvo da sole e muoiono. La fornitura elettrica è out e non c'è un coordinamento del trasporto dei gruppi elettrogeni, senza i quali le caldaie non partono. I gruppi di emergenza forniti da Enel restano senza benzina perché non esiste un piano in grado di sopperire ad una emergenza su vasta scala. Subiamo la solitudine dei media, del governo e delle istituzioni che non fanno altro che scusarsi per il disagio».

Molesta alunna 14enne con 700 telefonate e 600 sms: nei guai prof di scuola media

Avrebbe rivolto ingiurie, minacce e molestie per più di un anno a una studentessa oggi quindicenne che, alla fine, ha manifestato anche istinti suicidi: è quanto viene contestato a un professore di italiano di 55 anni, ancora in servizio nella stessa scuola media del Napoletano, nei confronti del quale il gip del Tribunale di Napoli Nord ha emesso un divieto di avvicinamento, a non meno di mille metri, ai luoghi frequentati dalla giovane.  La ragazza sarebbe stata vittima delle presunte attenzioni morbose del suo prof da marzo/aprile 2015, quando frequentava la terza media, fino all'ottobre del 2016, quando ha iniziato a frequentare il primo anno di liceo. Campanello d'allarme, per la famiglia, sono stati i gravi disturbi psicologici che la giovane, all'epoca dei fatti 14enne, ha iniziato a manifestare: non usciva più di casa, piangeva continuamente, si feriva le braccia con una lametta e, infine, ha anche manifestato l'intenzione di uccidersi. Nell'arco di oltre un anno sarebbe stata anche pedinata e fatta oggetto di stalking via telefono: in circa due mesi, è stato appurato, il docente ha inviato alla ragazza circa 500/600 sms e fatto 700 telefonate. Nella denuncia, presentata dal padre della ragazza lo scorso mese di settembre, si parla anche di una aggressione subìta dallo zio della ragazza, intervenuto, in strada, per impedire al prof di baciare la nipote.  «La giovane è psicologicamente afflitta, - fanno sapere gli avvocati Angelo e Sergio Pisani, che rappresentano la famiglia della ragazza - ci saremmo aspettati misure cautelari più restrittive nei confronti di chi vìola la serenità e la crescita di un minore rubando e inquinando il suo futuro».

Il gigante che salva la bambina, la foto spopola sui social

Rachele ha 5 anni e ha già vissuto l’esperienza del terremoto. Se tutto questo non bastasse la sua casa è sepolta da una coltre di neve ben più alta di lei. Ma ha anche un angelo custode in mimetica che l’ha accudita, l’ha scortata fino all’elicottero che l’ha portata via dal suo paese dove non c’erano più corrente elettrica e cibo e l’ha condotta in un posto più caldo e sicuro. Questo è il racconto di una storia a lieto fine come ce ne sono state tantissime in questi durissimi giorni di impegno di volontari, forze dell’ordine e soccorritori contro l’incubo della neve, dell’isolamento, del gelo e dei disagi provocati a migliaia e migliaia di persone tra Abruzzo e Marche.  Per giorni la piccola ha vissuto, assieme alla sua famiglia ed altri 160 abitanti del Comune di Valle Castellana, provincia di Teramo, nella stazione dei carabinieri del paese. L’unico posto sicuro e accogliente in cui tutti hanno trovato rifugio. Lì c’era ancora elettricità e i militari dell’Arma hanno rifocillato tutti con pasti caldi e tanto affetto. I carabinieri hanno ceduto i loro alloggi di servizio ai bambini e gli adulti hanno riposato su delle brandine. Ma, dato che la situazione non accennava a migliorare, si è deciso per l’evacuazione della popolazione di Valle Castellana. 
Sabato mattina anche Rachele e la sua famiglia hanno abbandonato la loro cittadina ma poiché nessun mezzo poteva raggiungere il centro abitato per via della neve, si è reso necessario l’invio di un elicottero che è atterrato al campo sportivo, a circa due chilometri di distanza. Un tratto in mezzo alla neve fresca che tutti hanno dovuto percorrere a piedi. Anche Rachele si è avviata ma dopo un po’ i suoi piedini erano ghiacciati e infreddoliti.   È stato allora che uno degli alpini che li accompagnavano si è voltato verso di lei e le ha offerto del tè caldo. Le ha detto: «Vieni con me». L’ha sollevata e se l’è caricata in spalla. Si è tolto i guanti e li ha messi alla bambina e l’ha rassicurata con parole gentili raccontandole che anche lui ha un bambino della sua età. Poi dalla tasca ha tirato fuori un pezzo di cioccolata e la piccola ha abbandonato ogni diffidenza. Una scena che ha commosso tutti i presenti quella dell’alpino e della bambina seduta sulle sue spalle e che è stata immortalata da Marina Bianchini, la mamma della piccola, in una foto che, pubblicata su Facebook, è diventata subito virale ed è stata condivisa da migliaia di persone. 
Il gigante buono in mimetica e la bambina. L’immagine di un Esercito che quando c’è un’emergenza è sempre al fianco della popolazione.

"Babbino, ti voglio bene": l'addio di Elisabetta Canalis al papà morto

"Non so se tutto questo sara' lo stesso senza di te , noi ci proveremo babbino mio. Ti voglio tanto tanto bene". Con uno straziante post su Instagram Elisabetta Canalis ha voluto dare l'addio al papà Cesare morto, a causa di un malore improvviso mentre si trovava a Los Angeles, per trascorrere un periodo di vacanza con la figlia.
Originario di Tresnuraghes, in Sardegna, Cesare Canalis aveva 78 anni, ed era molto conosciuto e stimato. Era stato amministratore comunale del suo paese e a Sassari era stato primario dell’Istituto di radiologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università e consigliere di amministrazione dell’Ateneo. A dare la notizia della sua scomparsa è stato proprio l’ex rettore dell’Università di Sassari, Attilio Mastino, con un post su Facebook.

"Babbino, ti voglio bene": l'addio di Elisabetta Canalis al papà morto

"Non so se tutto questo sara' lo stesso senza di te , noi ci proveremo babbino mio. Ti voglio tanto tanto bene". Con uno straziante post su Instagram Elisabetta Canalis ha voluto dare l'addio al papà Cesare morto, a causa di un malore improvviso mentre si trovava a Los Angeles, per trascorrere un periodo di vacanza con la figlia.

domenica 22 gennaio 2017

Terremoto, Grandi Rischi: "Nessun pericolo di un effetto Vajont"

"Non c'è alcun pericolo imminente di un effetto Vajont". Lo ha dichiarato il presidente della Commissione Grandi Rischi, Sergio Bertolucci, a proposito della situazione della diga di Campotosto (L'Aquila). "E' importante", ha sottolineato, "continuare a monitorare l'evoluzione sismica in quella zona, in quanto esiste un aumento della pericolosità dovuta ai movimenti della faglia".
"Possibilità di nuove scosse" - Quanto al rischio legato all'eventuale caduta di materiali nel lago in caso di terremoto, Bertolucci ha rilevato che "non si configura la possibilità di avere onde che possano superare i dieci metri". In ogni caso, "sarebbe pericolosissimo abbassare la guardia", ha aggiunto. Anche perché nei giorni scorsi la Commissione Grandi rischi aveva messo in guardia dalla possibilità di nuove scosse, anche fino a magnitudo 6-7, nelle zone contigue all'ultimo terremoto.
Scuole chiuse a Leonessa - "Ho deciso con un'ordinanza di tenere chiuse le scuole sine die leggendo quanto dice la Commissione Grandi Rischi". E' quanto afferma il sindaco di Leonessa, uno dei comuni del Reatino maggiormente colpiti dai terremoti di agosto e ottobre, Paolo Trancassini. Il sindaco si riferisce alla nota diramata al termine dell'ultima riunione della Commissione grandi rischi sul potenziale rischio di forti scosse nel centro Italia.
Enel: "Diga di Campotosto sicura" - A seguito dei recenti eventi sismici "non si rileva alcun danno alla diga di Campotosto" (Teramo). Lo afferma l'Enel che gestisce l'infrastruttura, rilevando che "alla luce della difficile situazione idrogeologica di questi giorni si è comunque deciso, come misura cautelare, estrema, di procedere ad una ulteriore progressiva riduzione del bacino". La diga si trova, secondo la valutazione della commissione Grandi Rischi, su una faglia che si è riattivata.
Delrio convoca riunione sulle Grandi dighe - E' stata convocata dal ministro delle infrastrutture Graziano Delrio, una riunione sulle Grandi dighe delle regioni del Centro Italia colpite dai recenti eventi. Il ministero esercita, infatti, un'azione di vigilanza tramite la Direzione generale specifica. All'incontro parteciperanno la Protezione civile, il Consiglio superiore dei lavori pubblici, le Regioni coinvolte e i gestori che hanno la responsabilità dei controlli.

Il Volo a Domenica Live: “Abbiamo la prova dellʼinvito di Trump”

Il trio risponde alle dichiarazioni di Vittorio Sgarbi, che metteva in dubbio lʼinvito del Presidente degli Stati Uniti a cantare per lui.
La polemica sulla mancata partecipazione del Volo alla cerimonia di insediamento del neo Presidente degli Stati Uniti Donald Trump non accenna a placarsi. Vittorio Sgarbi in settimana aveva avanzato l'ipotesi che il trio lirico in realtà non fosse mai stato contattato per cantare in onore di The Donald. Gianluca, Ignazio e Piero hanno quindi deciso di affidare a Domenica Live la prova dell'invito, mostrata in diretta da Barbara d'Urso: lo scambio di mail fra il manager del Volo e l'organizzazione dell'evento.

Schumacher, l'ex manager accusa la famiglia: "Non ci dicono più come sta, perché?"

Dure critiche da parte dell'ex manager di Michael Schumacher alla famiglia dell'ex pilota. Willi Weber sostiene che i familiari non dicano tutto sullo stato di salute di Michael e che dosino le informazioni per non rivelare la verità sulle sue condizioni.
Dell'ex pilota si sa che è andato in coma dopo un gravissimo incidente sugli sci lo scorso gennaio del 2013 ma da allora le notizie sono poche e nebulose. Sono molti i giornali che propongono grosse cifre per poter scattare una foto a Schumi e avere interviste dove poter chiedere del suo stato, ma la moglie si è sempre rifiutata.

«Da diversi mesi la famiglia non parla più», ha affermato l'ex manager come riporta anche il Mirror, «Vorrei saper anche io come sta, se fa progressi. Tutte le volte che chiamo penso che potrebbe rispondere Michael al telefono. La speranza è l'ultima a morire».

Bill Clinton distratto durante l'insediamento di Trum, ma Hillary lo fulmina

L'occhio lungo di Bill non è sfuggito alle telecamere e durante l'insediamento di Trump alla Casa Bianca, l'ex presidente degli Usa non riesce a sfuggire alla gaffe.  Clinton è stato ripreso distratto durante l'insediamento di Donald Trump. Nel video l'ex presidente degli Stati Uniti appare particolarmente interessato da qualcosa o qualcuno alla sua destra. A giudicare dallo sguardo con cui lo fulmina Hillary, è lecito supporre che fosse qualcuno particolarmente attraente, magari nel 'settore' occupato dalla famiglia Trump. 

Charlotte Casiraghi a Parigi con un amico misterioso

Riecco Charlotte Casiraghi. Dopo le voci che volevano la principessina di Monaco riavvicinarsi al suo ex Gad Elamleh, padre del piccolo Raphael, 3 anni, la monegasca si fa beccare in un bistrot di Parigi. Con lei c'è un misterioso amico con cui pare esserci complicità. I due chiacchierano, bevono, fumano e si scambiano confidenze. Dov'è finito Gad?
Pochi giorni fa la nipote di Grace Kelly è apparsa a un evento mondano per la presentazione di una nuova linea di orologi. Charlotte si è presentata con un look semplice, raffinato e avvincente come sempre: lunga gonna bianca e maglia nera semi trasparente, capelli raccolti e trucco impeccabile. Dopo la fine della sua storia con il regista italiano Lamberto Sanfelice, la Casiraghi è andata a vivere a Parigi con il figlio e negli ultimi tempi è stata avvistata con il suo ex Gad Elmaleh. Intanto nella capitale francese la principessina si diverte con gli amici e chiacchiera fitto fitto con un misterioso ragazzo nascosto sotto un cappellino di lana...

Arriva Monkey, il controverso social network per i teenager

Facebook ha tredici anni di anzianità. A capo di Snapchat, la chat "usa e getta" popolare tra i giovanissimi, c'è un gruppo di quasi trentenni. Allora i teenager che fanno? Si creano da soli un social network a loro misura che punta a diventare «l'applicazione numero 1 al mondo». È questo l'ambizioso obiettivo di Ben Pasternak e Isaiah Turner, rispettivamente 17 e 18 anni, che hanno lanciato Monkey. Ha già raccolto oltre 200mila utenti e anche sollevato qualche dubbio sulla sicurezza perché l'app ha un meccanismo simile alla controversa Chatroulette.  Monkey è una video-chat che mette in contatto casualmente «gli amici di Internet», più che gli amici di scuola o della vita reale, spiegano i due creatori che si sono conosciuti proprio online. Pasternak viveva a Sydney e si era fatto già notare per l'app Flogg (una sorta di eBay per adolescenti, per disfarsi delle cose che non interessano più), Turner era invece basato nel Maryland. Ora condividono un appartamento a New York.  L'app mette in contatto casualmente due persone che non si conoscono, mostrando poche informazioni, se si vuole continuare la conversazione basta diventare amici. E se dopo dieci secondi entrambi i partecipanti alla chat non scelgono di continuare aggiungendo più tempo, la conversazione finisce.  Un meccanismo veloce e controverso, simile a quello dell'app Chatroulette, lanciata nel 2009, che ha finito per proporre prevalentemente contenuti sessualmente espliciti. Monkey «è per una comunità estremamente "pulita"», tiene a sottolineare Pasternak che insieme al suo socio ha aperto un profilo su Snapchat per raccogliere i problemi segnalati dagli utenti. Al momento - secondo il New Yorker - con questo meccanismo l'app ha totalizzato circa mezzo milione di chiamate casuali tra i suoi utenti. «Avevo gruppi di amici ovunque, da YouTube ai forum di tecnologia - spiega Turner al sito Mashable -. Con gli amici della vita reale si possono generare pettegolezzi o drammatizzare situazioni, con quelli online non ci sono legami, puoi lasciarti andare di più».  A poche settimane dal lancio, Monkey ha superato i 200mila utenti ed è entrata nella classifica delle 25 app più scaricate dall'App Store. Uno degli assi nella manica è l'integrazione con Snapchat, una delle chat più usate dagli adolescenti. Secondo Pasternak la media di età degli utenti di Monkey è di circa 17 anni anche se - fa notare Mashable - all'atto dell'iscrizione è facile barare sull'età. Un altro punto controverso. «Uno dei problemi delle app che girano al momento è che sono progettate da adulti, noi invece siamo sia creatori sia utenti. Questo è una sorta di mondo sommerso per i più grandi», spiegano Ben Pasternak e Isaiah Turner.  Benchè i due giovani sviluppatori ci tengano a mantenere le distanze dal mondo adulto, le prime congratulazioni sono arrivate proprio dai big: il capo di Apple Tim Cook ha scritto loro una email e un messaggio è arrivato anche da John Maloney, l'ex presidente Tumblr, la piattaforma usata anche da Obama. E uno dei due, Ben Pasternak, presenta già dei tratti maniacali come Mark Zuckerberg e Steve Jobs: indossa sempre lo stesso tipo di pantaloni. «Non scegliere l'abbigliamento - dice - fa risparmiare un anno e mezzo della propria vita».

venerdì 20 gennaio 2017

Michelle e Aurora, mamma e figlia a confronto su Instagram: "Siete bellissime"

Aggiungi didascalia
Michelle Hunziker e Aurora sembrano davvero due sorelle. Ora che la figlia avuta da Eros Ramazzotti è diventata una donna, mamma Michelle si diverte con la primogenita a giocare con il look.  Nella foto postata su Instagram, la conduttrice svizzera, strizzata in un vestitino nero, sfodera uno dei suoi irresistibili sorrisi. Mentre Aurora seduce i fan in versione femme fatale, con un abito a righe che lascia scoperto il pancino.
  Insomma, mamma Michelle e Aurora in fatto di outfit non hanno eguali e lo scatto diventa virale.

Melania come Jackie: nuove first lady crescono (e si ispirano)

L'aveva annunciato: «Sarò una first lady tradizionale come Jackie Kennedy». E di Jackie intanto la bella Melania ha cominciato a copiare il look, presentandosi al giuramento ufficiale del marito Donald Trump con un vestitino di seta carta da zucchero, coperto da una bolerino dello stesso colore e lunghi guanti di ordinanza, che ci ha fatto tornare indietro di 50 anni. La futura First Lady è interamente vestita Ralph Lauren, lo stilista che ha curato l'immagine di Hillary Clinton nel corso della campagna elettorale.
Il look scelto da Melania, capelli raccolti, solo un paio di solitari come gioielli, (persino l'andatura era castigata), ricorda molto Jackie quando John F. Kennedy prestò giuramento in ufficio. Chissà se come lei - anche se al momento i pronostici sono scettici - riuscirà ad essere così amata. Di certo oggi è stata un'icona di stile ed eleganza.

Delitto Teresa e Trifone, l'ex coinquilino parla in aula: ecco il cambiamento e i "lati oscu


«All'inizio Giosuè e Trifone uscivano spesso insieme, perché avevano maggiore affinità per interessi in comune come lo sport o la discoteca. Poi con il passare del tempo avevano smesso di uscire, i rapporti si erano incrinati. Spesso discutevano per questioni economiche. È capitato spesso che noi dovessimo anticipare i soldi per le spese, di solito li mettevo io; poi Giosuè e Daniele andavano a chiederli a Trifone. Giosuè aveva un'attenzione alle spese anche al centesimo».  A raccontare i rapporti tra Trifone Ragone, il militare di Adelfia ucciso nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone con la fidanzata Teresa Costanza, e Giosuè Ruotolo, imputato del duplice omicidio, è stato oggi Sergio Romano, uno dei due coinquilini e commilitoni dei due ragazzi. Ma Trifone era cambiato con il passare del tempo e i rapporti tra i quattro nell'appartamento di via Colombo ne avevano risentito, ha testimoniato Romano in apertura della 13/a udienza del processo, davanti alla Corte d'Assise, a Udine. «Siamo andati nell'appartamento a inizio 2013, eravamo tutti contenti di poter tornare a casa e avere il nostro spazio. Andavamo tutti abbastanza d'accordo. Poi Trifone è cambiato nel tempo. Ha sempre vissuto tutto all'estremo, lo sport, il lavoro, le donne. All'inizio le portava in casa nel fine settimana e nessuno diceva nulla. Ma dopo che a gennaio 2014 siamo tornati da Strade sicure a Milano non aveva più accortezze nei nostri riguardi. Portava le ragazze anche durante la settimana e di notte facevano rumore. Avevo avuto due discussioni con Trifone per questo, due volte mi ha risposto "non ti preoccupare non succede più" e due volte è tornato a portare le ragazze come prima», ha testimoniato.  Ma a rendere più complicati i rapporti di convivenza negli ultimi tempi era stata «una serie di comportamenti che ci davano fastidio; pagava le bollette solo in parte. Era più disordinato di prima». Tanto che gli altri tre avevano anche pensato di cambiare casa e avevano cominciato a cercarne una senza dirlo a Trifone. «Avevo proposto a Renna e Ruotolo di cambiare casa. Avevamo convenuto che convenisse spostarsi; l'affitto che saremmo andati a pagare non sarebbe stato molto più alto di quello che già pagavamo. Poi il nostro problema si è risolto da solo quando abbiamo scoperto che Trifone aveva intenzione di andare a vivere con Teresa».

Jackie Evancho e Lee Greenwood: ecco chi si esibirà per Trump

Aveva promesso al New York Times che ci sarebbero state tantissimi celebrità importanti al suo Inauguration Day. Ma invece, tra un rifiuto e l'altro, lo scenario appare completamente diverso. A differenza di quelle dei suoi predecessori, la cerimonia d'insediamento di Donald Trump non avrà un parterre da prima di Hollywood e molto probabilmente verrà ricordata proprio per l'assenza di artisti internazionali. Così, alla fine, nella scaletta compaiono esclusivamente artisti a stelle e strisce, tutti accomunati, in questa circostanza, da una sorta di motivazione patriotica.
 
 I presentiIl presidente eletto ha deciso di puntare sulla musica country, genere musicale molto apprezzato nel sud del Paese. Sono previste, dunque, le esibizioni di due veterani di questo genere come il 55enne Toby Keith e il 74enne Lee Greenwood. "Sono onorato di far di nuovo parte della storia e di cantare per il presidente Trump. E' giunto il tempo di raccogliere insieme le sfide del nostro paese", ha dichiarato in un comunicato Greenwood, che si era già esibito per gli insediamenti di Ronald Reagan, George Bush e George W.Bush
Ai due "mostri" della country, si uniranno il gruppo rock 3 Doors Down, il Mormon Tabernacle Choir (ensemble di 360 voci della chiesa mormona di Salt Lake City) e le ballerine Radio City Rockettes, anche se alcune di esse hanno rifiutato per ragioni politiche. Mentre l'onore di cantare l'inno nazionale alla cerimonia di giuramento spetterà alla 16enne Jackie Evancho, cantante rivelazione del talent show "America's Got Talent" e tra le prime ad aver accettato l'invito di Trump.

E' previsto, inoltre, un discorso dell'attore Jon Voight, padre di Angelina Jolie e repubblicano di ferro. L'artista non ha mai negato la sua simpatia verso Trump tant'è che ne prese pure dichiaratamente le difese, lo scorso ottobre, dopo gli attacchi del collega Robert De Niro.
 
E chi ha detto "no"Come risaputo, sono stati tantissime le star di fama mondiale che hanno rifiutato l'invito a partecipare, in alcuni casi scatenando polemiche. Tra i "no", alcuni sono arrivati da molte leggende del panorama musicale mondiale come i Beach Boys, Celine Dion, Elton John, Rebecca Ferguson, Garth Brooks, e i nostrani Andrea Bocelli e Il Volo.

In esclusiva a "Verissimo", Raz Degan: "Vado allʼIsola dei Famosi per sfidare me stesso"

Sabato 21 gennaio "Verissimo" ospita in esclusiva Raz Degan prima della partenza come naufrago a "L'isola dei Famosi", al via il 30 gennaio su Canale 5. "Ho viaggiato in più di cento paesi, mi mancava sul passaporto un timbro dell'Honduras" racconta "Di natura sono un po' timido. Vado sull'Isola per fare un'esperienza di vita e sfidare me stesso, con una cosa che non ho mai fatto. Non è un mio obiettivo vincere".
 "Ho vissuto gli ultimi tre anni in Amazzonia, per un documentario che ho girato e che sta per uscire in America. Là era bello tosto, molto scomodo. Un?esperienza che mi ha arricchito molto" prosegue "Poi ho vissuto in paesi del Terzo mondo, dove la gente non ha veramente niente da mangiare. La convivenza con gli altri naufraghi che non conosco sarà l?ostacolo più difficile da superare, per il resto non ho problemi".
Da qualche anno l'attore e regista israeliano soffre di un grave problema alla schiena. A tal proposito dichiara: "Spero che non sia un handicap, giorno per giorno farò quello che potrò". Proprio per alleviare i suoi dolori, i tre oggetti che porterà sull?isola avranno a che fare con la sua schiena: "Per proteggermi dall?umidità mi porterò un materassino e dell'alpaca che mi tenga caldo e poi una fit ball per fare degli esercizi per mantenermi dritto. Inoltre, c'è il mare e il nuoto per il mio problema è un grande aiuto".

Infine, sul fronte vita privata, Raz confessa: "Dopo quattordici anni meravigliosi con Paola (Barale ndr) ora sono single. E' difficile stare con me perché sono sempre via". E a Silvia Toffanin che chiede se non gli manchi un figlio, Raz Degan risponde: "Quando sarò pronto magari abbraccerò questa esperienza, per ora no".

Clean eating: dieci strategie per cambiare il tuo modo di mangiare

Qual è il tuo rapporto con il cibo? La mancanza di tempo spesso ci rende schiavi di prodotti già pronti e preparazioni industriali: l'eccesso di zucchero, sale, conservanti e coloranti è all'ordine del giorno. Dieci ispirazioni per puntare sulla cucina naturale e trasformare il tuo stile di vita.
 VOGLIA DI FRESCO – Più vegetali freschi, di ogni tipo, scelti fra la frutta e la verdura di stagione. Evita di esagerare con le quantità: scegliere due o tre tipologie è sufficiente e ti fa risparmiare. Divertiti ad assaggiare i prodotti del territorio.


QUESTIONE DI TEMPO – Sì alle ricette semplici e al crudismo per disintossicare l'organismo e favorire il lavoro del fegato. Farai il pieno di vitamine e sali minerali. La cucina naturale aiuta a mantenersi in forma e combatte l'invecchiamento.
QUALITÀ – Frutta e verdura bio, ma non solo: la verità è che leggere l'etichetta non basta. Informati sui metodi di produzione e le aziende dietro i prodotti che utilizzi abitualmente. Scegli i mercati locali, dove acquistare con consapevolezza.
SALE NASCOSTO – Attenzione ai prodotti come legumi in scatola e zuppe congelate: generalmente contengono quantità più alte di sale, conservanti e aromi artificiali. Usa qualche ora per cucinare e metti in freezer, i piatti preparati in casa sono più leggeri e naturali.
ACQUA! - Bere di più aiuta a eliminare le tossine, depura il corpo, migliora la pelle e combatte il mal di testa. Evita di acquistare bibite e succhi, punta su infusi di fiori, e ingredienti come l'orzo o l'avena, da sostituire periodicamente al latte vaccino.
ZUCCHERO DETOX – Secondo gli studi il consumo di zucchero è in crescita preoccupante: una vera e propria invasione, dalle bibite in bottiglia a prodotti come succhi o polpa di pomodoro, in grado di provocare dipendenza.
IL TUO BENESSERE – Pausa pranzo in ufficio? A cena prepara una porzione in più per il giorno successivo, avrai un pasto sano e fatto in casa. Impara a scegliere i locali giusti e gli ingredienti che ti fanno bene: non si tratta dell'insalatina scondita, bensì cibo cucinato con amore nel rispetto della natura e della salute.
MODERAZIONE – Ricorda che le eccezioni dovrebbero essere… eccezioni! Un conto è godersi una fetta di torta con consapevolezza, apprezzarne il gusto e sollecitare il piacere attraverso i sensi, un altro è ingurgitare tutto con ansia e senza freno.
SPERIMENTA – Dedicare tempo alla cucina è un modo importante per imparare a dare valore al cibo, perché significa diventare consapevoli del tempo e dell'energia che richiede stare ai fornelli. Usa spezie e erbe aromatiche. Cucina con amore.
IL CIBO È SACRO – Quando mangi… siediti! Anche se si tratta di una merenda o un piccolo break impara a prendere il tuo tempo, mastica con calma, dai importanza a questo momento. Ti aiuterà a combattere l'emotional eating e trasformare il pasto in un rito benessere.

Beauty pediluvi: il benessere parte dal basso

Il pediluvio non svolge solo una funzione estetica, prima della pedicure e della stesura dello smalto, ma è anche uno dei metodi più usati per raggiungere il benessere psico-fisico. Non sono rare, infatti, le beauty farm che utilizzano i pediluvi come prima strategia detox. Attraverso l'idroterapia e l'uso di infusi o essenze, si possono ottenere incredibili benefici per la salute e la bellezza. Cosa occorre per regalarsi queste esclusive ricette di benessere? Una bacinella ampia, acqua calda o tiepida, diversi ingredienti naturali e facilmente reperibili come il bicarbonato o le foglie di salvia.


 Per il detox – Dopo periodi di stravizi ed eccessi alimentari, il fegato reclama un momento di pace e detox. E anche la pelle chiede a gran voce una cura disintossicante per liberarsi da brufoli e punti neri. Un pediluvio quotidiano scelto ad hoc, unitamente a una dieta sana e ad abbondante acqua, può agevolare questo processo di purificazione. In questo caso, è consigliato l'infuso di salvia. Basterà far sobbollire alcune foglie di salvia fresca in un pentolino d'acqua, filtrare (o lasciare, in alternativa, anche le foglie) e versare il liquido concentrato tiepido in una bacinella d'acqua calda (ma non troppo).
Addio a stress e...rughe – Si sa, lo stress fa male alla salute ma è deleterio anche per la bellezza. A causa dello stress, la pelle appare spenta e segnata, i capelli si indeboliscono e sono opachi, aumentano i gonfiori e peggiora la qualità del sonno. Con un pediluvio relax, meglio se effettuato a fine giornata, si stacca con lo stress quotidiano e si riconquistano sonno sereno e aspetto disteso. Occorrerà soltanto preparare un infuso di lavanda oppure ricorrere all'olio essenziali puro, da unire all'acqua nella dose di cinque o sei gocce. La lavanda svolge un'azione profondamente distensiva a carico del sistema nervoso, inoltre profuma anche le estremità e, grazie all'aromaterapia, concilia un buon sonno rigenerante. Consigliata anche l'aggiunta di un cucchiaino di bicarbonato.
Pelle secca e duroni – Quando i piedi non appaiono in condizioni ottimali, anche la salute e la postura ne risentono. Per esempio, i calli non sono soltanto antiestetici ma sono anche la spia di posture e calzature inadatte. Per ammorbidire la pelle, è indicato un pediluvio quotidiano a base di amido di riso e olio di mandorle dolci. Entrambi questi ingredienti esercitano, infatti, una spiccata azione emolliente sulla cute spessa. Per preparare il pediluvio, si sciolgono una manciata di amido di riso e un cucchiaio di olio di mandorle dolci in una bacinella di acqua calda o tiepida. Un'alternativa all'olio di mandorle: olio puro di cocco.
Piedi gonfi – Gambe che pesano persino in inverno, ore trascorse in piedi, stanchezza, cattiva circolazione. Tutti questi disturbi, che spianano la strada a ulteriori inestetismi come ritenzione idrica e gonfiori diffusi, si possono combattere anche con l'aiuto di pediluvi specifici. In questi casi, è consigliato il pediluvio Kneipp (ispirato proprio all'omonimo percorso). Per risvegliare la circolazione, occorrono due bacinelle. La prima con acqua calda (38° C circa) e la seconda con acqua fredda (24° C circa). Si immergeranno, quindi, i piedi prima nell'acqua calda per cinque minuti e, poi, nell'acqua fredda per altri due minuti. Infine, si ritornerà nella bacinella calda.